Cornelia Vögelin, addetta al recapito, Rheinfelden



Menu lingue

La Posta c’è. Per tutti. Talvolta anche per qualcosa di più che una semplice lettera.

Cornelia Vögelin è un’addetta attenta non solo agli invii da distribuire, ma anche alle persone che vivono nella sua zona di recapito. «Quanto più a lungo si sta in un quartiere, tanto meglio si conoscono le persone», afferma. 

 

Quando vede qualcuno che sembra essere preoccupato, le capita di fermarsi e di intrattenersi per una breve conversazione. Le persone le stanno a cuore, per questo ci tiene a sapere come stanno. È un gesto che la gente apprezza e che le consente di conoscere meglio anche il quartiere e i suoi abitanti, tra una piccola chiacchierata e un sorriso cordiale. Una cosa che piace soprattutto alle persone anziane.

Durante un giro, all’addetta al recapito è capitato di notare una bambina seduta da sola sulle scale davanti a una casa. Essendo madre, Cornelia si è resa subito conto che qualcosa non andava: la bambina di sette-otto anni avrebbe dovuto essere a scuola. Subito le ha chiesto come stesse e ha scoperto che era corsa via da scuola perché un bambino le aveva dato un calcio. Mentre parlava, l’addetta al recapito si è accorta che sulla casa era affisso un cartello: il padre della bambina era infatti istruttore di guida e sul cartello c’era scritto il suo numero di telefono. Così l’ha chiamato e gli ha riferito l’accaduto. Il padre ha informato subito la mamma della bambina che era a fare la spesa, la quale si è naturalmente precipitata a casa ed ha ringraziato di cuore l’addetta al recapito per la sua particolare attenzione.